Fondo di solidarietà della Diocesi – emergenza coronavirus

Cliccare sull’immagine per aprire il volantino in formato PDF

Per disposizione del Vescovo, viene reso noto l’avvio di una sezione specifica per la PRIMA ZONA ROSSA del Fondo diocesano di solidarietà per le famiglie.


Puoi fare la tua donazione subito on-line:




IL VESCOVO DI LODI MONSIGNOR MAURIZIO MALVESTITI
IL 5 MARZO 2020 HA PROMOSSO IL FONDO DI SOLIDARIETA’ 
CON UNA SEZIONE SPECIFICA PER LA PRIMA ZONA ROSSA

“Una goccia di carità nel mare dell’emergenza”. Con il forte desiderio di continuare ad essere vicino con azioni concrete e immediate a chi vive forme di difficoltà legate al lavoro, il vescovo Maurizio accanto alla preghiera vuole esprimere prossimità e sostegno, in particolare alla “PRIMA ZONA ROSSA” della diocesi, segnata da un’emergenza epidemica che sconvolge la vita di tutti. Prima dell’irrompere del coronavirus nel Lodigiano era stata rilanciata la raccolta di fondi per continuare il sostegno nella precarietà lavorativa col Fondo di solidarietà della diocesi, come avviene da undici anni in modo discreto. Grazie alla generosità di Banche e Fondazioni, era stata superata la somma di 80mila euro, ai quali si sono poi aggiunti altri 50mila. Per l’aggravarsi della situazione, monsignor vescovo ha avviato una sezione specifica e prioritaria del Fondo per le famiglie che vivono nella PRIMA ZONA ROSSA. E ha disposto un primo stanziamento di 50mila euro, tratti dalla carità offerta al vescovo nella visita pastorale e in altre occasioni. È pertanto aperta a singoli, parrocchie, istituzioni, associazioni, organismi di ogni genere, la possibilità di donare con questa peculiare intenzione, nel risollevare le famiglie colpite dalle tanto pesanti conseguenze, economiche e sociali, e segnatamente occupazionali, che la calamità sta provocando. È una goccia di carità che fa appello alla solidarietà di tutti. Per molte persone potrà scattare la cassa integrazione come misura prevista dal governo, ma il rischio che i tempi non siano immediati può aggravare le situazioni di maggiore precarietà. Intervenire con tempestività può rivelarsi decisivo. Il Fondo di solidarietà della diocesi non è mai stato “solo” un contributo economico. Da sempre ha voluto esprimere vicinanza e solidarietà. Va incontro alle necessità con la dovuta prudenza e tutta la possibile generosità. A tal fine, attraverso le parrocchie, possono essere presentate le domande di sostegno, seguendo la consueta e già consolidata prassi operativa. I parroci della PRIMA ZONA ROSSA forniranno al riguardo dettagliate indicazioni alle rispettive comunità.
In questi giorni convulsi, tra angosce e interrogativi, ognuno si è trovato a riflettere sulla comune fragilità, sulla paura dell’altro o di essere considerati un potenziale pericolo. Il virus non può spegnere il desiderio di bene e di solidarietà. Pensiamo al volontariato proseguito nei diversi servizi di prossimità. E all’ammirevole assistenza sanitaria condotta con infaticabile determinazione. C’è poi chi, nel silenzio, propone di donare la tredicesima della pensione affinché si possa aiutare chi vive in PRIMA ZONA ROSSA. Un altro privato cittadino ha già fatto una donazione spontanea a favore delle parrocchie che, a causa dell’isolamento, sono più penalizzate. Un’insegnante ha voluto donare al Fondo di solidarietà metà del proprio stipendio per tre mesi, per essere vicino a qualche famiglia duramente colpita. Il Lodigiano è terra generosa, i suoi abitanti vivono intensamente la solidarietà. Supereremo, insieme, coesi, nonostante le attuali limitazioni, questa prova e rinsalderemo in profondità il senso di appartenenza reciproca, sostenuti dalla fede cristiana.
Il Fondo di solidarietà, con la sezione specifica per la PRIMA ZONA ROSSA, pur essendo una goccia, vuole essere un segno di speranza.
Quanti vorranno contribuire potranno specificare la destinazione (PRIMA ZONA ROSSA o intero territorio lodigiano) e, se desiderano, offrire il proprio volontariato (in parrocchia o presso la Caritas Lodigiana).

INTERVENTI FONDO DI SOLIDARIETA’ DIOCESI E SEZIONE “PRIMA ZONA ROSSA”
con possibilità di sostegno immediato – dal 10 MARZO 2020

Considerando le misure vigenti adottate per il contenimento della diffusione del virus, in questa fase emergenziale, le domande non dovranno pervenire anche al Vicario Foraneo, ma potranno essere presentate direttamente alla Segreteria del Fondo Diocesano (anche via mail, purché debitamente compilate e firmate, comprensive del modulo della privacy).

Criteri per la presentazione delle domande
Residenza nella Diocesi di Lodi
Perdita, riduzione, precarietà lavorativa o in attesa della cassa integrazione
Presentazione dell’ISEE (anche se non aggiornato)

Tempi di consegna delle domande
Le domande
potranno essere presentate in via continuativa (anche via mail, purché debitamente compilate e firmate, comprensive del modulo della privacy) direttamente alla Segreteria del Fondo Diocesano, presso la Caritas Lodigiana, in via Cavour 31; e-mail: p.arghenini@diocesi.lodi.it

Tipologie di interventi
Possibilità di sostenere i costi (o parte dei costi) per l’iscrizione a corsi di formazione o aggiornamento finalizzati ad un reinserimento lavorativo (es. corsi per saldatori, carrellisti, ecc.), previa verifica di altre possibilità di sostegno o di accesso agli stessi.
Possibilità di sostegno per il pagamento di rette scolastiche (corsi post-diploma) per ragazzi che non potrebbero continuare gli studi per problemi economici della famiglia, relativi alla perdita o precarietà lavorativa dei genitori;
Considerate le persistenti difficoltà di molte famiglie si ritiene opportuno mantenere gli interventi a fondo perduto e “una tantum” (utile per spese correnti e anche per eventuali spese scolastiche per famiglie con figli che frequentano scuole medie/superiori).
Laddove possibile, valutazione per l’avvio di tirocini formativi.

Per la “PRIMA ZONA ROSSA” della Diocesi (18 parrocchie del basso lodigiano)
Oltre ai punti sopra elencati:
Per le famiglie in difficoltà che già da qualche settimana vivono un disagio lavorativo legato all’emergenza coronavirus (sospensione del lavoro, ritardi negli stipendi, entrate insufficienti, ecc.), la domanda al Fondo di solidarietà della Diocesi può essere presentata anche se la famiglia richiedente ha già ricevuto un sostegno in passato.
NB. In questo momento non si ritiene indispensabile la presentazione dell’ISEE aggiornato (che potrebbe prevedere tempi lunghi), ma sarà sufficiente l’ISEE già in possesso della famiglia e la valutazione da parte della parrocchia nella presentazione della domanda.
Suggeriamo di invitare i beneficiari, qualora ci fossero le condizioni, a svolgere qualche azione di volontariato a favore della comunità.
Sulle domande pervenute, la Segreteria del Fondo di solidarietà interverrà con sollecitudine, verificando al contempo le possibilità di sostegno e le misure sociali di aiuto già esistenti al fine di non creare sovrapposizioni ed ottimizzare le risorse.

>> CLICCARE QUI PER SCARICARE IL DOCUMENTO CON I CRITERI E LE SCADENZE PER L’INOLTRO DELLE DOMANDE IN FORMATO PDF

 

Puoi fare la tua donazione:

A. Subito on-line:


B. Mediante bonifico su conto corrente bancario intestato a:
DIOCESI DI LODI
c/c presso la Banca Popolare di Lodi
(Sede di Lodi – Via Cavour)
Codice IBAN: IT 09 P 05034 20301 000000183752
Oppure
c/c presso BCC Centropadana
(Sede di Lodi – Via Garibaldi)
Codice IBAN: IT 14 M 08324 20301 000000190152
Oppure
c/c presso CREDIT AGRICOLE
(Sede di Lodi – Viale Dalmazia, 9)
Codice IBAN IT29G0623020301000030630313
(per le imprese è prevista la detraibilità dei contributi versati)
FONDAZIONE COMUNITARIA DELLA PROVINCIA DI LODI – ONLUS
c/c presso Banco BPM
(Ag. 1 Piazza Vittoria 39 LODI)
Codice IBAN: IT24C0503420302000000003822
Indicando come causale: “Fondo Solidarietà Diocesi di Lodi”
(per le imprese e per le persone fisiche è prevista la detraibilità dei contributi versati secondo le normative fiscali vigenti)

C. Presso l’Ufficio della Caritas Lodigiana
[Solo su appuntamento a motivo delle restrizioni in vigore]
c/o Diocesi di Lodi – Via Cavour 31 LODI
Aperto dal Martedì al Sabato dalle 9.00 alle 12.30
Tel. 0371.948130 – Fax 0371.948103
E-mail: caritas@diocesi.lodi.it

>> CLICCARE QUI PER SCARICARE IL DOCUMENTO DELLE MODALITA’ DI DONAZIONE IN FORMATO PDF

Per informazioni:
FONDO DIOCESANO DI SOLIDARIETÀ
presso CARITAS LODIGIANA
Tel. 0371.948130 Fax 0371.948103
E-mail: caritas@diocesi.lodi.it

Materiali esplicativi:
Scheda per la raccolta delle informazioni (da compilare e firmare) (PDF)
Informativa sul trattamento dei dati personali ex artt. 13-14 Reg.to UE 2016/679 (PDF)
Volantino (PDF)
Donazioni (aggiornate al 23 aprile 2020) (PDF)
il Cittadino “Prima Pagina” edizione del 05/03/2020 (PDF)
il Cittadino “Pagina 11” edizione del 05/03/2020 (PDF)
il Cittadino “Pagina II Inserto Chiesa” del 14/03/20 (PDF)
il Cittadino “Pagina IV Inserto Chiesa” dell’11/04/20 (PDF)
Report attività 2009-2019 (PDF)
Video