Lettera del Vescovo Maurizio ai catecumeni

Lodi, 22 marzo 2020
IV Domenica di Quaresima

Cari catecumeni,

la Quaresima che stiamo vivendo avrebbe dovuto costituire il tempo favorevole per intensificare la preparazione alla celebrazione dei sacramenti dell’iniziazione cristiana nella Veglia pasquale. Non sarà possibile ma spero di poterli conferire in Cattedrale passata l’emergenza in una bella festa diocesana.

La mia cordiale raccomandazione è di non allentare la tensione spirituale e l’impegno di purificazione del cuore e della mente. Anche se non potete incontrarvi con il parroco e il catechista che vi stanno seguendo nell’itinerario verso il battesimo, avete tante opportunità per prepararvi bene: penso, anzitutto, alla Messa domenicale, che potete seguire in Tv o attraverso i mezzi social; alla preghiera personale e familiare, non mancando di recitare ogni giorno il Padre nostro, che il Signore Gesù ci ha insegnato; e, infine, alla opportunità di leggere quotidianamente qualche pagina del Vangelo per ricevere luce dalla parola di Dio. In particolare, vi consiglio i vangeli di queste tre domeniche: la samaritana, il cieco nato e la risurrezione di Lazzaro. Sono tre “evangeliche” catechesi battesimali.

Superata questa fase tanto difficile, avremo modo di incontrarci per il rito dell’elezione – previsto per lo scorso 29 febbraio –, col quale la Chiesa nella persona del Vescovo riconosce la vostra idoneità a diventare cristiani, ad entrare cioè nella grande famiglia di Dio, che è la santa Chiesa.

Saluto con animo paterno, assicurando la mia preghiera per voi e per i vostri cari.

+ Maurizio, Vescovo