Istituite due commissioni con decreto vescovile

La prima post sinodale, la seconda per la riorganizzazione del territorio diocesano

Con decreto vescovile sono state istituite nei giorni scorsi due Commissioni: quella post-sinodale e quella per la riorganizzazione del territorio diocesano.

La prima, presieduta dal Vescovo, è composta da coloro che costituivano la Presidenza (don Bassiano Uggè, don Enzo Raimondi, mons. Gabriele Bernardelli, don Anselmo Morandi, don Guglielmo Cazzulani, Raffaella Rozzi, Michela Spoldi, Ernesto Danelli, Giuseppe Migliorini), che ha cessato il proprio mandato con la conclusione del Sinodo, insieme a due membri dell’assemblea sinodale scelti tra i più giovani (Francesca Rebughini e Luca Servidati). Questa Commissione ha il compito di accompagnare i primi passi dell’attuazione del sinodo, a partire dalla redazione e pubblicazione delle costituzioni, che il Vescovo promulgherà nella veglia di Pentecoste del 4 giugno.

La commissione vescovile per la riorganizzazione del territorio diocesano, pure presieduta dal Vescovo, già composta dal vicario generale, dai vicari locali e dal cancelliere vescovile, è stata integrata con la presenza di fedeli laici, secondo il dettato della costituzione 175 del XIV sinodo diocesano. Tenuto conto delle proposte dei vicari locali, è stata dunque integrata da Giacomo Cortesi (vicariato di Lodi Città), Mario Uccellini (vicariato di Casalpusterlengo), Maria Luisa Comizzoli (vicariato di Codogno), Matteo Blasotta (vicariato di Lodi Vecchio), Olivia Zonca (vicariato di Paullo), Elena Lunghi (vicariato di San Martino in Strada), Carla Macchetta (vicariato di Sant’Angelo Lodigiano), Michela Spoldi (vicariato di Spino d’Adda). Questa commissione è stata convocata da Mons. Vescovo in prima riunione martedì 10 maggio, per affrontare da subito la questione della riduzione e riorganizzazione dei vicariati, votata dall’assemblea sinodale, e formulare una proposta da sottoporre all’esame degli organismi diocesani di “sinodalità ordinaria” entro il prossimo mese di giugno.

Leggi anche su Il Cittadino (.PDF);